Carlo Malinconico presenta la decima edizione del Salone della Giustizia

Si svolgerà a Roma, in tre giorni, dal 9 all’11 aprile, la decima edizione del Salone della Giustizia. L’appuntamento annuale, presentato in un’intervista rilasciata ai microfoni di RAI – Isoradio dal Presidente, il Prof. Avv. Carlo Malinconico, prevede sei convegni principali che si propongono, tra gli obiettivi principali, quello di stimolare l’attenzione su temi giuridici ma anche sociali ed economici. Sarà dunque un’iniziativa rivolta non soltanto ad addetti ai lavori, ma a una platea di pubblico più ampia. Previsti, inoltre, 18 workshop, anch’essi aperti al pubblico, ma, come sottolineato dallo stesso Carlo Malinconico, dal taglio più tecnico. Illustri le presenze internazionali a questa edizione, tra cui è prevista quella di ben 3 ambasciatori, in rappresentanza rispettivamente di Regno Unito, Strati Uniti e Israele.

Un tema cardine dell’edizione 2019 del Salone della Giustizia è quanto il topic influenzi le attività quotidiane. A tal proposito, Carlo Malinconico cita uno specifico convegno dedicato al rapporto tra lunghezza dei processi e investimenti. Sul fronte delle tematiche, inoltre, nella sua intervista evidenzia come sia emersa una grande attenzione a livello istituzionale e di pubblica opinione al principio di legalità, ritenuto elemento centrale anche nella formazione dei giovani. Secondo Malinconico, crescita culturale e regole giuridiche dovrebbero andare di pari passo. Non a caso, tra gli obiettivi principali del Salone della Giustizia vi è quello di avvicinare le giovani generazioni e, in particolare, gli studenti al principio della legalità come fattore di giustizia e coesione sociale. “Bisogna che le nuove generazioni percepiscano pienamente il valore della legalità come fattore di coesione sociale”, ha dichiarato, aggiungendo che un ulteriore elemento che va di pari passo è rappresentato dalla “certezza dei tempi [della giustizia] come aspetto fondamentale per la credibilità della giustizia”.

No votes yet.
Please wait...